Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Home Articoli Lotto I numeri... SANTI San Giovanni Paolo II Santo del giorno per il 22 ottobre

San Giovanni Paolo II Santo del giorno per il 22 ottobre

0
2593
Santo del giorno per il 22 ottobre
Santo del giorno per il 22 ottobre

San Giovanni Paolo II

Santo del giorno per il 22 ottobre

(18 maggio 1920 – 2 aprile 2005)

“Spalancate le porte a Cristo”, ha esortato Giovanni Paolo II durante l’omelia alla Messa, dove è stato installato come papa nel 1978.

Nato a Wadowice, in Polonia, Karol Jozef Wojtyla aveva perso sua madre, suo padre e suo fratello maggiore prima del suo 21 ° compleanno. La promettente carriera accademica di Karol all’Università Jagellonica di Cracovia fu interrotta dallo scoppio della seconda guerra mondiale. Mentre lavorava in una cava e in una fabbrica chimica, si iscrisse a un seminario “sotterraneo” a Cracovia. Ordinato nel 1946, fu immediatamente inviato a Roma dove conseguì un dottorato in teologia.

Di ritorno in Polonia, un breve incarico come viceparroco in una parrocchia rurale precedette la sua cappellania molto fruttuosa per gli studenti universitari. Presto papa Wojtyla ha conseguito un dottorato in filosofia e ha iniziato a insegnare quell’argomento all’Università polacca di Lublino.

Funzionari comunisti permisero a Wojtyla di essere nominato vescovo ausiliare di Cracovia nel 1958, considerandolo un intellettuale relativamente innocuo. Non avrebbero potuto essere più sbagliato!

Il vescovo Wojtyla ha partecipato a tutte e quattro le sessioni del Vaticano II e ha contribuito in particolare alla sua Costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo moderno. Nominato arcivescovo di Cracovia nel 1964, è stato nominato cardinale tre anni dopo.

Eletto papa nell’ottobre del 1978, prese il nome dal suo immediato predecessore, di breve durata. Papa Giovanni Paolo II fu il primo papa non italiano in 455 anni. Col tempo, ha fatto visite pastorali in 124 paesi, compresi molti con piccole popolazioni cristiane.

Giovanni Paolo II ha promosso iniziative ecumeniche e interreligiose, in particolare la Giornata di preghiera del 1986 per la pace mondiale ad Assisi. Visitò la principale sinagoga di Roma e il Muro occidentale a Gerusalemme; ha anche stabilito relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e Israele. Ha migliorato le relazioni cattolico-musulmane e nel 2001 ha visitato una moschea a Damasco, in Siria.

Il Grande Giubileo dell’Anno 2000, un evento chiave nel ministero di Giovanni Paolo, è stato caratterizzato da celebrazioni speciali a Roma e altrove per i cattolici e altri cristiani. Le relazioni con le Chiese ortodosse sono migliorate notevolmente durante il suo pontificato.

“Cristo è il centro dell’universo e della storia umana” fu la linea di apertura dell’enciclica di Giovanni Paolo II del 1979, Redentore della Razza Umana. Nel 1995, ha descritto se stesso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite come “testimone di speranza”.

La sua visita in Polonia nel 1979 ha incoraggiato la crescita del movimento di Solidarnosc lì e il crollo del comunismo nell’Europa centrale e orientale 10 anni dopo. Giovanni Paolo II ha iniziato la Giornata mondiale della gioventù e ha viaggiato in diversi paesi per quelle celebrazioni. Desiderava molto visitare la Cina e l’Unione Sovietica, ma i governi di quei paesi lo hanno impedito.

Una delle foto più famose del pontificato di Giovanni Paolo II è stata la sua conversazione personale nel 1983, con Mehmet Ali Agca, che aveva tentato di assassinarlo due anni prima.

Nei suoi 27 anni di ministero del Papa, Giovanni Paolo II ha scritto 14 encicliche e cinque libri, canonizzato 482 santi e beatificato 1338 persone. Negli ultimi anni della sua vita, ha sofferto del morbo di Parkinson ed è stato costretto a ridurre alcune delle sue attività.

Papa Benedetto XVI ha beatificato Giovanni Paolo II nel 2011 e Papa Francesco lo ha canonizzato nel 2014.

Riflessione

Prima della messa funebre di Giovanni Paolo II in piazza San Pietro, centinaia di migliaia di persone avevano atteso pazientemente un breve momento per pregare davanti al suo corpo, che giaceva in stato all’interno di San Pietro per diversi giorni. La copertura mediatica del suo funerale non ha precedenti.

Presiedendo alla messa funebre, il cardinale Joseph Ratzinger – allora decano del Collegio cardinalizio e poi Papa Benedetto XVI – ha concluso la sua omelia dicendo: “Nessuno di noi potrà mai dimenticare come, in quell’ultima domenica di Pasqua della sua vita, il Santo Padre, segnato dalla sofferenza, venne ancora una volta alla finestra del Palazzo Apostolico e un’ultima volta diede la sua benedizione urbi et orbi (“alla città e al mondo”).

“Possiamo essere certi che il nostro amato Papa è in piedi oggi alla finestra della casa del Padre, che ci vede e ci benedice. Sì, benedicici, Santo Padre. Affidiamo la tua cara anima alla Madre di Dio, tua Madre, che ti ha guidato ogni giorno e che ti guiderà ora alla gloria di suo Figlio, nostro Signore Gesù Cristo. Amen.”

Previsioni di gioco valide 6 colpi ad iniziare dalle estrazioni dal 22/10/2018

LOTTO

Genova e Palermo ambata 1

Per ambo e terno 1.59.78

MILLIONDAY

20.34.51.6.46

10eLotto SERALE

3.6.10.23.15.64.81.86.77

SUPERENALOTTO

36.20.51.43.75.2

Nessun commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Cliccando su “ACCETTA”, o facendo lo scroll, acconsenti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi