Una risposta impegnativa

1
146
Una risposta impegnativa
Una risposta impegnativa

Una risposta impegnativaUna risposta impegnativa

Sig. Pinna buonasera, chiedo venia se vado fuori tema però è già un po’ che fremevo per mettermi in contatto nuovamente con Lei. Per fortuna i collegamenti sono ripristinati e perciò posso sottoporLe un nuovo quesito. Dato che è un po’ di tempo che al Lotto non gira, spererei di avere un po’ di conforto almeno da questa situazione. A Palermo il 9/10/2012 uscirono questi numeri: 63-47-30-65-22.

L’estrazione seguente si ripresentarono i numeri 47-65-22. Da allora i sette ambi residui sono ancora nascosti nell’urna, con un RC di 216, un RL di 215 e un rapporto RL/RC di 0,995. Secondo Lei quanto potrà durare ancora questa situazione? Saluti e alla prossima. Roberto Barattini

 

[sociallocker id=”11758″]

Sig. Barattini, Buongiorno a Lei e ben ritrovato.

Prima di rispondere al quesito, visto il suo problema precedente, colgo l’occasione per inviare un messaggio a tutti gli amici lettori che si incontrano nella sua stessa situazione.

Come tutti sapete, per motivi legati a problemi di perdita dati, di collaborazioni esterne dovute alla gestione del server e ad altre piccole questioni che, però, si sono circostanziate, guarda caso, tutte contemporaneamente, il nostro sito ha subito un cambiamento.

Un cambiamento che all’apparenza potrà sembrare soltanto grafico, ma in realtà si è trattato, e si tratta, di un cambiamento morfologico sostanziale dovuto sì alla necessità del momento, ma che nel contempo, costretti nostro malgrado, ci ha visti impegnati ad affrontare e risolvere non poche problematiche di diversa natura.

Non entrerò nel dettaglio perché son cose nostre, ma c’è un discorso che va affrontato e chiarito.

Il fatto che i lettori registrati nel vecchio sito non riescano ad accedere con il loro username e password, è una questione tecnica irrisolvibile, in quanto il nuovo sito ora utilizza una nuova piattaforma che, benché tenga in memoria tutti gli iscritti, non permette le funzioni di accesso precedenti.

Per semplificare l’accesso di iscrizione, visto il largo uso di facebook da parte di molti, è possibile registrarsi al sito semplicemente accedendo con le credenziali di quel social network.

Comunque la registrazione, anche senza facebook, è semplicissima, inserendo un vostra email valida, vi verrà immediatamente inviata una password per accedere a quella parte del sito che permette di interagire e commentare i diversi post sul sito.

Esiste anche la possibilità di partecipare, come qualcuno già fa, tramite una semplice richiesta fatta per email, e sempre dietro nostra accettazione e supervisione, gli saranno attribuite credenziali che gli permetteranno di essere parte attiva nelle diverse aree del sito.

Tornando ora alla Sua richiesta, Sig. Barattini, e mi scuso per l’attesa, la questione che ha sollevata non può in questa circostanza trovare una risposta che consenta di attribuire un limite d’attesa a breve, se è questo che cercava.

Il discorso si fonda tutto sui resoconti passati e concernenti situazioni più o meno analoghe a quella da Lei sottoposta.

Stiamo parlando, per dirla in termini tecnici, di un “Eptambo sincrono” o di sincronone ambico di L=7 (livello). In altre parole dei sette ambi residui dei dieci che si vengono a creare dopo una qualsiasi estrazione.

Il discorso da affrontare è particolarmente complesso, ma con un po’ d’attenzione ci si arriva con poco.

Sappiamo che una cinquina sincrona dà vita a 10 ambi sincroni e che, nel corso del tempo, questi dieci ambi decadono in livelli inferiori.

Statisticamente è stato registrato che una volta partiti dai dieci ambi iniziali, si è giunti a mantenere sino a 7 ambi per la bellezza di 951 concorsi, dato questo inerente l’Eptambo di Milano 11.30, 11.61, 30.57, 30.61, 30.87, 57.61, 61.87 ottenuto in data 27-06-1981.

Esiste poi un altro aspetto non da meno, da Lei tra l’altro citato, che consiste nell’osservazione del ritardo di livello (RL). Nel caso in questione, sempre in termini tecnici, si tratta dell’RL dell’Eptambo o, se preferiamo, del sincrone di L=7. Nella pratica delle cose, per rendere chiaro a chi non è dentro queste problematiche, il ritardo di livello (RL) si calcola dal momento in cui una qualsiasi combinazione numerica ha assunto un determinato e specifico aspetto e, nel nostro caso, da quando un L=10 e passato a un L=7, e dal momento di questo passaggio si inizia, appunto, a contare questo nuovo ritardo.

In casi del genere sappiamo che un L=7 è perdurato anche per 797 estrazioni. Caso vuole che il dato si riferisca sempre alla ruota di Milano e a quell’L=7, in quanto dal momento della sua formazione è durato, per l’appunto, altri 797 concorsi.

L’altro dato a cui fa riferimento, al rapporto elevatissimo tra RL/RC, non darei particolare attenzione perché si tratta, sia chiaro solo dal mio punto di vista, di una situazione estrema dovuta al caso, e in questo caso, il caso, ha voluto che nel sorteggio immediatamente successivo si sia riproposto un terno sortito nel concorso precedente.

I dati vanno interpretati e non solo osservati nei loro valori, perché benché sia vero che segnino e indichino un dato limite mai accaduto sin ora, questo deve rapportarsi solo ed esclusivamente con la situazione osservata, poiché se vogliamo avvalerci della statistica non dobbiamo prendere in esame un solo, unico, raro e molto eccezionale dato di raffronto, bensì osservare la massa di dati che dà vita alla statistica stessa, perché è la massa che conta e non il singolo.

Questo il sincronone ambico residuo di L=7 con il più alto ritardo cronologico

Ge RC 694 – 30.31, 30.44, 31.57, 31.60, 44.57, 44.60, 57.60

Questo, invece, il sincrone ambico residuo di L=7 con il più alto ritardo di livello

Ge RL 545 30.31 30.44 31.57 31.60 44.57 44.60 57.60

Come si evince si tratta dello stesso sincrone ambico, ma corrisponde a quello che è nella massa statistica.

Posso concordare di trovarci davanti a una situazione limite, per il suo caso, ma questa è dovuta all’eccezionalità della ripetizione di tre numeri nel concorso successivo e, stando ad alcuni dati raccolti, mediamente dal 1945 a oggi, a ruota, tre numeri si sono ripetuti nel sorteggio immediatamente successivo, ripeto mediamente, per circa 5 volte.

Dal 1945 a oggi di estrazioni, per ruota, ne abbiamo avute 3862, quindi il caso in esame corrisponde allo 0,13% dei casi complessivi.

A questo punto lascio trarre le conclusioni a quanti mi hanno seguito sin qui, sperando di avere messo in chiaro il mio punto di vista.

[/sociallocker]

1 commento

  1. Sig. Pinna buonasera,grazie per la Sua sempre rapida, cortese ed esauriente risposta, che però è riuscita a calmare i miei ormai tiepidi spiriti (riferiti al Lotto) Non Le nego che pensavo di avere individuato una formazione ormai con le estrazioni contate. Potendo contare attualmente quasi completamente sulla mia peraltro scarsa memoria,ricordavo che quando un sincronone rimaneva completamente solo, perdendo i suoi quttro compagni di estrazione in tempi molto rapidi ,non andava molto lontano.Confidavo perciò che anche l’eptambo da me proposto fosse destinato a sfaldarsi velocemente.Pazienza.Vorrei chiederLe : perchè Lei e il Suo team non date uno sguardo al 10e lotto? Con la Vostra competenza potreste ottenere degli ottimi risultati (in termini di vincite,che è poi quello che si cerca giocando) Nel mio piccolo sto avendo molte piu’soddisfazioni,rispetto al Lotto,non sognando vincite milionarie,ma accontentandomi di 3 punti su 3 o 4su 4, allungando talvolta il biglietto con altri 2 o 3 numeri perchè come diceva il buon GORGIA non bisogna tenere chiusa la porta alla fortuna.Il mio sogno è quello di selezionare due o tre formazioni in odore di uscita (formazioni di 2 o 3 numeri,4 al massimo )e riunirle sperando in uno sfaldamento contemporaneo. Naturalmente vanno giocate anche le singole formazioni che qualcosa rendono sempre.Essenziale non giocare i numeri delle varie date di nascita ,ma numeri ricercati statisticamente.Ieri sera su 20 numeri selezionati ne sono sortiti 8 e siccome ho voluto tentare un sistemino (molto)condizionato e tentare un piccolo colpaccio(8 numeri in ognuna delle 23 schedine avrebbe pagato 20.000 volte la posta) mi sono ritrovato con una rendita minore di quella che avrei ottenuto giocando magari solo 6 numeri per schedina.Infatti il punteggio piu’alto ottenuto è stato di 6 punti su 8, con altre schedine con vincite minori e la presenza al loro interno (è naturale) dei 2 numeri assenti nella schedina buona.Non me la prendo perchè ho ben chiaro che 20 numeri formano una mole iperbolica di ottine, ed avere quella giusta in 23 biglietti è un sogno.Però dal mio punto di vista è un sogno che si può fare.Sperando di non averLa tediata La saluto. Roberto Barattini