Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

San Giovanni Apostolo Santo del giorno per il 27 dicembre

0

Pubblicità

San Giovanni Apostolo

Santo del giorno per il 27 dicembre

(6 – 100)

La storia di San Giovanni Apostolo

È Dio che chiama; gli esseri umani rispondono. La vocazione di Giovanni e di suo fratello Giacomo è espressa molto semplicemente nei Vangeli, insieme a quella di Pietro e di suo fratello Andrea: Gesù li chiamò; loro hanno seguito. L’assolutezza della loro risposta è indicata dall’account. Giacomo e Giovanni “erano in una barca, con il loro padre Zebedeo, a riparare le reti. Li chiamò e immediatamente lasciarono la loro barca e il loro padre e lo seguirono “(Matteo 4: 21 b-22).

Per i tre ex pescatori – Pietro, Giacomo e Giovanni – quella fede doveva essere ricompensata da un’amicizia speciale con Gesù. Solo loro avevano il privilegio di essere presenti alla Trasfigurazione, alla crescita della figlia di Iairo e all’agonia nel Getsemani. Ma l’amicizia di Giovanni era ancora più speciale. La tradizione gli assegna il quarto Vangelo, sebbene la maggior parte degli studiosi della Scrittura moderna ritenga improbabile che l’apostolo e l’evangelista siano la stessa persona.

Il Vangelo di Giovanni si riferisce a lui come “il discepolo che Gesù amava” (vedere Giovanni 13:23, 19:26, 20: 2), colui che si è adagiato accanto a Gesù nell’ultima cena, e colui al quale Gesù ha dato il l’onore squisito di prendersi cura di sua madre, mentre Giovanni stava sotto la croce. “Donna, ecco tuo figlio …. Ecco, tua madre “(Giovanni 19: 26b, 27b).

A causa della profondità del suo Vangelo, Giovanni è solitamente considerato come l’aquila della teologia, che si eleva nelle regioni alte che altri scrittori non sono entrati. Ma i Vangeli sempre sinceri rivelano tratti molto umani. Gesù diede a Giacomo e Giovanni il soprannome di “figli del tuono”. Mentre è difficile sapere esattamente cosa significasse, un indizio viene dato in due incidenti.

Nella prima, come dice Matteo , la madre chiese che potessero sedere nei luoghi d’onore del regno di Gesù: uno alla sua destra e uno alla sua sinistra. Quando Gesù chiese loro se potevano bere il calice che avrebbe bevuto ed essere battezzato con il suo battesimo di dolore, risposero allegramente: “Possiamo!” Gesù disse che avrebbero davvero condiviso la sua coppa, ma che seduto alla sua destra non era il suo da dare. Era per quelli a cui era stato riservato dal Padre. Gli altri apostoli erano indignati per l’ambizione sbagliata dei fratelli, e Gesù colse l’occasione per insegnare loro la vera natura dell’autorità: “… chi desidera essere il primo tra di voi sarà il vostro schiavo. Proprio così, il Figlio dell’Uomo non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita come riscatto per molti “(Matteo 20: 27-28).

In un’altra occasione, i “figli del tuono” chiesero a Gesù se non dovevano invocare il fuoco dal cielo sugli inospitali samaritani, che non avrebbero accolto Gesù perché era in viaggio verso Gerusalemme. Ma Gesù “si voltò e li rimproverò” (vedere Luca 9: 51-55).

La prima Pasqua, Maria Maddalena “corse e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo che Gesù amava e disse loro:” Hanno tolto il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove lo hanno messo “( Giovanni 20: 2). Giovanni ricorda, forse con un sorriso, che lui e Peter correvano fianco a fianco, ma poi “l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e arrivò prima alla tomba” (Giovanni 20: 4b). Non entrò, ma aspettò Peter e lo lasciò entrare per primo. “Poi entrò anche l’altro discepolo, colui che era arrivato prima al sepolcro, e vide e credette” (Giovanni 20: 8).

Giovanni era con Pietro quando ebbe luogo il primo grande miracolo dopo la Resurrezione – la cura dell’uomo storpio dalla nascita – che li portò a passare la notte in prigione insieme. La misteriosa esperienza della Risurrezione è forse meglio contenuta nelle parole degli Atti: “Osservando l’audacia di Pietro e Giovanni e percependo che erano uomini ignoranti e ordinari, essi [gli interroganti] furono sbalorditi e li riconobbero come compagni di Gesù “(Atti 4:13).

L’apostolo Giovanni è tradizionalmente considerato l’autore anche di tre lettere del Nuovo Testamento e il Libro dell’Apocalisse. Il suo Vangelo è un account molto personale. Egli vede il Gesù glorioso e divino già negli episodi della sua vita mortale. Nell’ultima cena, il Gesù di Giovanni parla come se fosse già in paradiso. Giovanni è il vangelo della gloria di Gesù.


Riflessione

È molto lontano dall’essere desiderosi di sedere su un trono di potere o di invocare il fuoco dal cielo per diventare l’uomo che potrebbe scrivere: “Il modo in cui abbiamo imparato a conoscere l’amore è stato che ha dato la sua vita per noi; quindi dovremmo deporre le nostre vite per i nostri fratelli “(1 Giovanni 3:16).

Previsioni di gioco valide 6 colpi ad iniziare dalle estrazioni dal 27/12/2018

LOTTO

Genova e Napoli ambata 47

Per ambo e terno a Tutte 47.20.35

MILLIONDAY

15.24.19.6.50

Pubblicità

10eLotto SERALE

83.29.54.17.52.67

SUPERENALOTTO

Pubblicità

31.25.47.65.38.76

Pubblicità

Lascia una risposta

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Cliccando su “ACCETTA”, o facendo lo scroll, acconsenti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi