Beato Jacopone da Todi Santo del giorno per il 22 dicembre

0
3403
Santo del giorno per il 22 dicembre
Santo del giorno per il 22 dicembre

Beato Jacopone da Todi

Santo del giorno per il 22 dicembre

(1230 circa – 25 dicembre 1306)

La storia del beato Jacopone da Todi

Jacopone o Giacomo, nacque come membro nobile della famiglia Benedetti nella città italiana settentrionale di Todi. Diventò un avvocato di successo e sposò una pia, generosa signora di nome Vanna.

La sua giovane moglie si prese la responsabilità di fare penitenza per gli eccessi mondani di suo marito. Un giorno Vanna, su insistenza di Jacopone, partecipò a un torneo pubblico. Era seduta sulle tribune insieme alle altre nobili signore quando gli spalti crollarono. Vanna è stata uccisa. Il marito scosso fu ancora più turbato quando si rese conto che la cintura penitenziale che indossava era per il suo peccato. Sul posto, ha promesso di cambiare radicalmente la sua vita.

Jacopone divise i suoi beni tra i poveri e entrò nell’Ordine Francescano Secolare. Spesso vestito con stracci penitenziali, fu deriso come un pazzo e chiamato Jacopone, o “Pazzo Giacomo”, dai suoi ex soci. Il nome divenne caro a lui.

Dopo 10 anni di tale umiliazione, Jacopone chiese di essere ricevuto nell’Ordine dei Frati Minori. A causa della sua reputazione, la sua richiesta è stata inizialmente rifiutata. Compose un bel poema sulle vanità del mondo, un atto che alla fine portò alla sua ammissione nell’Ordine nel 1278. Continuò a condurre una vita di rigida penitenza, declinando di essere ordinato sacerdote. Nel frattempo, stava scrivendo inni popolari in lingua volgare.

All’improvviso Jacopone si trovò a capo di un inquietante movimento religioso tra i francescani. Gli spirituali, come venivano chiamati, volevano un ritorno alla severa povertà di Francesco. Avevano dalla loro parte due cardinali della Chiesa e Papa Celestino V. Questi due cardinali, invece, si opponevano al successore di Celestino, Bonifacio VIII. All’età di 68 anni, Jacopone fu scomunicato e imprigionato. Sebbene abbia riconosciuto il suo errore, Jacopone non è stato liberato e rilasciato fino a quando Benedetto XI non è diventato papa cinque anni dopo. Aveva accettato la sua prigionia come penitenza. Trascorse gli ultimi tre anni della sua vita più spirituale che mai, piangendo “perché l’amore non è amato”. Durante questo periodo scrisse il famoso inno latino, Stabat Mater .

La vigilia di Natale del 1306, Jacopone sentì che la sua fine era vicina. Era in un convento delle Clarisse con il suo amico, il Beato Giovanni di La Verna. Come Francis, Jacopone ha dato il benvenuto a “Sorella Morte” con una delle sue canzoni preferite. Si dice che abbia finito la canzone e sia morto mentre il prete intonava il “Gloria” dalla Messa di mezzanotte a Natale. Dal momento della sua morte, il fratello Jacopone è stato venerato come un santo.


Riflessione

I suoi contemporanei chiamavano Jacopone, “Pazzo Giacomo.” Potremmo ben riecheggiare la loro provocazione, perché cos’altro si può dire di un uomo che ha fatto irruzione nel canto in mezzo a tutti i suoi problemi? Cantiamo ancora la canzone più triste di Jacopone, lo Stabat Mater , ma noi cristiani rivendichiamo un’altra canzone come nostra, anche quando i titoli quotidiani risuonano di note discordanti. L’intera vita di Jacopone ha suonato la nostra canzone: “Alleluia!” Possa egli ispirarci a continuare a cantare.

Previsioni di gioco valide 6 colpi ad iniziare dalle estrazioni dal 22/12/2018

LOTTO

Genova e Torino ambata 79

Per ambo e terno a Tutte 79.34.47

MILLIONDAY

1.10.20.34.51

10eLotto SERALE

66.35.42.9.84.56.33.57

SUPERENALOTTO

42.26.65.82.64.71