Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Home Articoli Lotto Fatti e Numeri Le mogli obbediscono ancora ai loro mariti?

Le mogli obbediscono ancora ai loro mariti?

0
144
Fatti e numeri smorfiati per le estrazioni del lotto
Fatti e numeri smorfiati per le estrazioni del lotto

La decisione di Meghan Markle di omettere le parole “obbedire” dai suoi voti nuziali al principe Harry era ampiamente attribuita a una vittoria femminista. Era un esempio di una donna moderna che insisteva su un matrimonio egualitario e un uomo moderno che accettasse di farlo.

E’ stato anche visto come un cenno alla suocera della nuova Duchessa di Sussex. La prima volta che “obbedire” fu omessa dalle promesse del matrimonio reale avvenne nel 1981 quando la principessa Diana sposò il principe Carlo.

Il principe Harry e Meghan Markle si sposano in una sfolgorante esibizione di sfarzo regale che i sostenitori sperano iniettino una misura del glamour moderno di Hollywood nella monarchia millenaria.

All’epoca, l’arcivescovo di Canterbury sosteneva la decisione di rimuovere “obbedire” ai voti di Carlo e Diana, a quanto si dice scherzando: “È una brutta cosa iniziare il matrimonio con una vera bugia”.

Ma è una bugia? Per Diana? Per Meghan? Per ogni donna sposata con un uomo?

Una cosa è togliere una parola da una cerimonia di nozze, è un’altra cosa da annullare 2000 anni di condizionamento culturale.

Così molti dei nostri rituali e valori culturali, che ci piaccia o no, sono modellati dall’insegnamento religioso, come questa piccola gemma della Bibbia:

“Mogli, sottomettiti ai tuoi propri mariti, come al Signore. Perché il marito è il capo della moglie, proprio come Cristo è il capo della chiesa: ed è il salvatore del corpo. Quindi, poiché la chiesa è soggetta a Cristo, così le mogli siano per i loro mariti in ogni cosa. “

Basta guardare come ferocemente le persone difendono la pratica di uno sposo che chiede al padre della sposa il permesso di sposarla, o i padri che portano le figlie lungo il corridoio e la consegnano a un altro uomo, per vedere quanto sia forte la simbolizzazione della subordinazione delle donne matrimonio.

La gente giustifica questi rituali per motivi di romanticismo, facendo finta che sia innocuo e non abbia rilevanza per le dinamiche del potere reale all’interno delle relazioni moderne.

Ma per la maggior parte dei matrimoni eterosessuali, la nozione di uguaglianza è tanto una favola quanto le carrozze delle zucche e gli addetti alle feste felici e contenti.

Potremmo essere ingannati da ricerche e aneddoti che dimostrano che le donne fanno la maggior parte del processo decisionale nelle famiglie. Le donne gestiscono i bilanci familiari, i calendari sociali, decidono come allevare i figli, cosa cucinare per cena, quando i bambini si tagliano i capelli e quale marca di aspirapolvere acquistare.

In parte si tratta di donne che prendono l’iniziativa, in parte perché gli uomini spesso si assentano dai dettagli della vita familiare. Le donne prendono queste decisioni perché qualcuno deve e suo marito non andrà in qualsiasi momento presto.

Ma ciò che è spesso trascurato in queste conversazioni di “chi è il capo?” È il potere del veto.

La mia amica riassunse splendidamente la vera dinamica del potere nel matrimonio quando disse: “Io non obbedisco a mio marito. Faccio praticamente quello che voglio, mio ​​marito raramente mette giù il piede “.

Ed eccolo lì: la ragione per cui molte mogli in realtà obbediscono ai loro mariti, sia che lo abbiano detto nei loro voti nuziali o meno. Il marito ha ancora il diritto di “mettere giù il piede”.

In breve, molte donne sono libere di prendere le proprie decisioni – fino a quando non incidono sul marito. Ma questo non significa che le donne siano effettivamente in carica. Significa semplicemente che hanno la libertà di prendere decisioni su tutte le cose su cui gli uomini non sentono fortemente.

Prendi il budget familiare, ad esempio. Questo è spesso visto come un’area che le donne controllano. Ma il “budget” familiare non è lo stesso del controllo del “reddito” familiare. Le donne possono controllare solo il denaro a cui hanno accesso e, in molti matrimoni, questa è solo una frazione del reddito familiare. E dalla mia esperienza, questo vale per le donne in tutto lo spettro di classe, dalle donne che pranzano e le donne che le servono.

Molto semplicemente se non hai accesso al denaro non hai accesso al potere.

Anche quando le mogli guadagnano la maggior parte del denaro in famiglia, i mariti mantengono ancora il loro dominio. Le ricerche di Veronica Tichenor pubblicate nella rivista accademica Sex Roles mostrano che: “(I capifamiglia) riproducono il predominio degli uomini nel processo decisionale, poiché gli uomini affermano il diritto di prendere certe decisioni e le donne spesso si differiscono per provare che non stanno provando dominare i loro mariti e sono quindi “buone” mogli “.

Sono sicuro che molti uomini sarebbero inorriditi da quel suggerimento che si aspettano che le loro mogli obbediscano a loro. Ma la realtà è che questi uomini non sono cresciuti nel vuoto. Spesso assorbono modelli di mascolinità-come-dominante attraverso i media, le scuole, i luoghi di lavoro e la loro stessa dinamica familiare.

Nella nostra cultura, la mascolinità è inseparabile dalla dominanza e dal controllo. Se un uomo non è dominante nella sua casa e nel suo matrimonio, è un affronto alla sua identità di uomo. Gli uomini si controllano reciprocamente il dominio con l’accusa di essere “fustigati”, o come mio marito è stato accusato da uomini che pensano di avere troppe opinioni per una donna, una “gigantesca mangina”.

È un uomo estremamente illuminato, sicuro e consapevole di sé che si accontenta di omettere “obbedire” ai voti matrimoniali – e quindi di attenersi a quella decisione molto tempo dopo il ricevimento di nozze.

Obbedire 26

Moglie 11

Marito 6

Tutte per ambo e terno 26.11.6

Sommario
Le mogli obbediscono ancora ai loro mariti?
Nome dell'articolo
Le mogli obbediscono ancora ai loro mariti?
Descrizione
La decisione di Meghan Markle di omettere le parole "obbedire" dai suoi voti nuziali al principe Harry era ampiamente attribuita a una vittoria femminista. Era un esempio di una donna moderna che insisteva su un matrimonio egualitario e un uomo moderno che accettasse di farlo.
Autore
Editore
Lotto Gazzetta
Logo editore

Nessun commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Cliccando su “ACCETTA”, o facendo lo scroll, acconsenti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi