Venezia

Venezia il gioco del lotto, simile a quello odierno, nacque nel 1733. La prima estrazione fu effettuata il 5 aprile 1734. In precedenza erastoria del lotto già operante una sorta di lotto pubblico ma assomigliava più alle moderne lotterie. Infatti già il proclama del 17 dicembre 1715, pubblicato per ordine dei Deputati, et Aggionti sopra la Provision del dinaro, regolava una lotteria, la cui estrazione era stabilita per il 3 febbraio 1716.

Non è quindi un caso che lotterie del genere continuarono anche dopo la nascita del lotto vero e proprio. Il nome del gioco assunto a Venezia, “Lotto intitolato di Genova e di Roma”, dimostra come si trattasse di un gioco di importazione. Il decreto che ne fissò la nascita è datato 14 gennaio 1733. In quella stessa occasione venne stabilito che il gioco fosse gestito direttamente, evitando l´appalto a terzi, e non fu posto alcun limite alle giocate.

Ma nel 1745 per l´estrazione di cinque numeri si giunse a dover pagare circa 200.000 ducati di vincite. Si stabilì allora che non si sarebbe dovuta superare la somma di 118.000 ducati per ogni estrazione. Veniva inoltre applicata la regola detta del “castelletto” (si veda oltre) in base alla quale quando veniva raggiunta la somma prevista, si poteva procedere alla chiusura del gioco restituendo ai giocatori le giocate accolte in eccedenza.

Il lotto si svolgeva predisponendo una lista di “novanta dongelle nubili, da scegliersi da Parochie, Ospitali e luoghi Pij della città da imbossolarsi nella giornata d’estrazione del lotto”. Ogni anno venivano svolte nove estrazioni di cinque nomi di ragazze. Al primo nome estratto erano riconosciuti a titolo di dote quaranta ducati; alle altre quattro ragazze solo venti ducati. La coincidente finalità di voler costituire la dote di giovani fanciulle, dimostra l´ampio influsso del gioco delle zitelle, che aveva luogo a Torino sin dal 1674.

Riportiamo la descrizione che fa il Petitti, attento storico del gioco del lotto, dell´estrazione a Venezia: “Il luogo dell´estrazione era la loggetta, ossia la gran loggia del Sansovino sotto la gran torre di S. Marco, residenza solita dei procuratori di S. Marco, ai quali ed agli Arsenalotti (maestranze dell´arsenale fidatissime) era confidata la custodia del palazzo ducale durante la sessione del consiglio maggiore. Si paravano per l´estrazione, a festa le colonne della loggetta: si sceglieva un trovatello dell´età di cinque anni all´incirca.

Preparate novanta cedole in pergamena, sur ognuna d’esse scriveansi i novanta numeri dall´1 sino al 90, riscontrate e riconosciute ciascuna successivamente da due Magistrati intervenienti all´operazione, rotolavansi ad una una quelle cedole, e ponevansi poscia da un terzo Magistrato interveniente in una botticella, o bossolo di legno aperto, il quale, compiuta l´opera, ed imbussolati i novanta numeri, chiudevansi da un quarto Magistrato, e mettevasi da un quinto sopra un vassoio d’argento, sul quale era portato da un ufficiale alla vista del popolo in una cassetta d’argento in forma cubica.

storia del lottoAll´entrare de’ Magistrati nella loggetta, le trombe suonavano a festa come nel tempo che passava fra l´estrazione del primo al secondo numero, e così in seguito. Posto il trovatello in luogo alto, onde ognuno potesse vederlo operare, i servienti dell´ufficio rimescolavano la cassetta ch’era chiusa a chiave, e, questa aperta, estraevasi un numero. Chiusa nuovamente riaprivasi per estrarne altro numero, e così successivamente fino al quinto.

Ad ogni estrazione di numero, questo era bandito a voce prima agli astanti dai donzelli de’ Magistrati; di poi tosto si pubblicavan tutti li cinque numeri estratti a stampa; prima ancora una torma di biricchini correva nelle varie calle della città recando con grida a pubblica notizia què numeri, vendendone la nota scritta da essi a mano sur un pezzetto di carta per un soldo veneto”. Questo sistema di gioco restò invariato molto a lungo sino alla prima dominazione austriaca (1797-1806). Anche a Venezia il lotto “nero” dovette avere una larga diffusione visti i numerosi interventi normativi che furono emanati per combattere questa pratica illegale

Fonte: http://www.sognolotto.it/press/

Autore: 

Lascia un Commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi